Prevenire è, da sempre, meglio che curare

L’iniziativa per le giornate mondiali di A.L.I.Ce. ed ARUO celebrate congiuntamente lo scorso 28 ottobre, nella splendida cornice di Palazzo Corgna a Città della Pieve, come ormai da sempre per le giornate di prevenzione ed informazione riguardanti la salute, è stata alquanto apprezzata a giudicare anche semplicemente dalle presenze e quindi dalle rilevazioni effettuate, tutte in forma assolutamente gratuita.

A.L.I.Ce. Umbria di Città della Pieve – Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale – ha effettuato 36 misurazioni di pressione arteriosa con rilevazione della Fibrillazione Atriale e 28 valutazioni riguardo a glicemia, colesterolo, trigliceridi.

ARUO – Associazione Regionale Umbra Osteoporosi – ha eseguito ben 41 esami MOC -Mineralometria Ossea Computerizzata, tecnica diagnostica utilizzata per valutare la mineralizzazione delle ossa e prevenire, diagnosticare e controllare l’evoluzione dell’osteoporosi. Dei 41, di un’età media intorno ai sessanta anni, che si sono sottoposti all’esame, solo 7 gli uomini. Le risultanze delle rilevazioni rispettano l’andamento generale della popolazione italiana: 15 risultano osteoporotici, sono cioè affetti da osteoporosi, dei restanti per la metà sono osteopenici, in altre parole, al limite, l’altra metà risulta nella norma. Dal colloquio con il medico emerge uno stile di vita scarsamente propenso all’esercizio fisico, pochi i soggetti che assumono la vitamina D, importante per la prevenzione dell’osteoporosi. Per prevenire l’osteoporosi ci vuole qualcosa che stimoli la mineralizzazione delle ossa e ne favorisca la riproduzione, quindi non si deve assolutamente rinunciare al movimento, anche se senza esagerare. Movimento, per quanto possibile, all’aria aperta, perché l’esposizione, anche solo di 10 minuti al giorno, ai raggi solari stimola la produzione di vitamina D,necessaria per l’assorbimento organico del calcio proveniente dagli alimenti.

A.L.I.Ce. di Città della Pieve ha ripreso l’attività di prevenzione

Il 2 settembre, rispondendo alla richiesta dell’Associazione “Il Borgo” di Piegaro per la “VIII Giornata della Prevenzione”, insieme a numerose altre Associazioni di Volontariato che hanno eletto la prevenzione a scopo fondamentale del proprio operato, A.L.I.Ce. Umbria di Città della Pieve ha ripreso le attività dopo la breve pausa estiva. In modo gratuito i suoi volontari hanno effettuato misurazioni di trigliceridi, glicemia, colesterolo e pressione con rilevazione di Fibrillazione Atriale. 37 hanno usufruito del pacchetto completo e 26, nel pomeriggio, hanno richiesto la misurazione della pressione.

Il 3 settembre A.L.I.Ce. è nuovamente in pista, questa volta a Ponticelli, in occasione di “Ponticelli in festa”, stessa procedura, anche in questa occasione in 37 si sono avvicinati allo stand delle misurazioni. Leggi tutto

XIII Giornata Mondiale dell’Ictus Cerebrale – XXI Giornata Mondiale dell’Osteoporosi sabato 28 ottobre a Città della Pieve

A.L.I.Ce. – Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale Umbria Città della Pieve e ARUO – Associazione Regionale Umbra Osteoporosi ricordano insieme la XIII Giornata Mondiale dell’Ictus Cerebrale e la XXI Giornata Mondiale dell’Osteoporosi ricorrenti rispettivamente il 29 e il 20 ottobre. L’evento, con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale, sabato 28 ottobre 2017 a Città della Pieve – Palazzo della Corgna – Sala del Concerto. Intera giornata dedicata alla prevenzione, elemento dominate per le due Associazioni, con esami, analisi, misurazioni, incontro con medici, tutto completamente gratuito. Dalle ore 9.00 alle ore 12.30: esame della Mineralometria Ossea Computerizzata – M.O.C e colloquio con i medici, misurazione pressione arteriosa con rilevazione della Fibrillazione Atriale, analisi di colesterolo, glicemia, trigliceridi; dalle 14.30 alle 18.30: M.O.C. e colloquio con i medici, misurazione della pressione arteriosa.

 

Si ricorda che per la MOC è necessaria la prenotazione effettuabile, da lunedì 16 a mercoledì 25 ottobre, dalle ore 10.30 alle ore 11.30, telefonando al n° 0578 297091 o recandosi personalmente presso la sede di A.L.I.Ce. – Casa della Salute – Città della Pieve. L’esame sarà effettuato fino ad un massimo di 40 persone.

 

Un nuovo piccolo passo per l’accessibilità a Città della Pieve

La pubblicizzazione dell’operato e delle proposte per il prossimo futuro da parte del “Tavolo delle disabilità” a Città della Pieve ha fatto scattare la sensibilità dei cittadini riguardo al problema. Un ingegnoso pievese ha, a proprie spese, costruito due pedane per sopperire alle difficoltà rappresentate dal marciapiede e dall’accesso all’Oratorio di Santa Maria dei Bianchi in via Pietro Vannucci. Leggi tutto

A Città della Pieve la disabilità è al centro dell’attenzione

All’incontro del 27 luglio sulla presentazione dei lavori del “Tavolo delle disabilità” viene ricordato che l’iniziativa è scaturita dall’incontro tra Franco Pilato e la psicologa di A.L.I.Ce., Chiara Cottini, e l’idea di far scrivere a Franco quello che poi è diventato un libro “Una rosa… rinascerà” e quindi tra Franco ed il Sindaco, Fausto Scricciolo, per cercare di rendere più accessibile Città della Pieve a chi presenta difficoltà di deambulazione. Leggi tutto

Richiesta fisioterapista per ginnastica di mantenimento a Città della Pieve

L’Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale ONLUS (A.L.I.Ce) con sede a Città della Pieve (PG) da anni svolge attività di ginnastica di mantenimento, per persone colpite da ictus e non solo.

Nell’ultimo anno, per rispondere alle diverse esigenze emerse a seguito di una valutazione specialistica iniziale riguardo alla patologia e al grado di difficoltà, sono stati istituiti due corsi, uno più numeroso ed uno con un massimo di cinque utenti. Le sedi dei due corsi, ad oggi, sono a poca distanza l’una dall’altra.

L’attività verrà effettuata in quattro ore settimanali (due per ogni gruppo) occupando due o più giorni.

Per esigenze amministrative l’Associazione necessità di valutare più offerte da parte di FISIOTERAPISTI prima di procedere all’assegnazione del servizio.

Agli interessati si chiede, pertanto, di inviare il curriculum completo con la proposta tariffaria oraria.

Le domande devono pervenire entro il 28 AGOSTO al seguente indirizzo mail: aliceumbriapieve@tiscali.it.

Il servizio avrà inizio intorno alla metà di settembre per terminare alla metà di giugno.

Insieme si può… ricostruire

9 giugno 2017
Tutto è pronto, le numerose Associazioni e i molti volontari sono al loro posto, sul palco gli ultimi preparativi e nella piazza si respira fermento.

È arrivato il momento di dare il via all’iniziativa “Insieme si può… ricostruire” organizzata dai ragazzi del Presidio del Volontariato “Insieme si può”, operante all’interno dell’Istituto Superiore “Italo Calvino”, naturalmente in collaborazione con la scuola e grazie al contributo di Banca Credito Cooperativo Umbria, AVIS e A.L.I.Ce. di Città della Pieve. Leggi tutto

A.L.I.Ce. al “Calvino” di Città della Pieve e non solo

Ormai da anni gli studenti delle classi Seconde dell’Istituto di Istruzione Superiore “Italo Calvino” di Città della Pieve incontrano il dott. Adriano Cipriani, volontario della locale A.L.I.Ce., sui corretti stili di vita, ma non solo; gli studenti infatti, autorizzati dalle famiglie, vengono sottoposti a screening cardiologico, con elettrocardiogramma, misurazione pressione con rilevazione di fibrillazione atriale e visita da parte del cardiologo. Generalmente un incontro al mese per un sempre crescente numero di studenti. Sono stati monitorati, nel corso degli anni, una quantità elevata di giovani. L’operazione è possibile grazie alla disponibilità di volontari A.L.I.Ce., professionisti e non, che affiancano il dottor Cipriani.

Iniziativa apprezzata dagli studenti che riconoscono nel dottore un “amico” di cui fidarsi.

L’attività è in programma anche per il prossimo anno scolastico.

Sempre nel settore prevenzione cardiologica proseguono le visite pomeridiane, sempre gratuite, a cadenza mensile, presso la sede dell’Associazione.

La collaborazione attiva pure con la USL1 si è concretizzata, ancora una volta, con la donazione di un holter cardiologico all’ambulatorio di cardiologia della Casa della Salute di Città delle Pieve, per abbattere i tempi di attesa e per evitare spostamenti in sedi anche lontane e quindi disagevoli per gli utenti; dono reso possibile dalla compartecipazione dell’AVIS locale.